Ti conviene davvero fare l'Esame di Stato e iscriverti all'Ordine degli Psicologi?

La maggior parte dei neodottori in Psicologia inizia l'anno di tirocinio in vista dell'Esame di Stato (EdS) senza riflettere, in modo del tutto automatico. L'EdS è un requisito ineludibile per poterti iscrivere all'Ordine degli Psicologi ed esercitare la professione. Ma... ...ti sei mai chiesto se ti conviene? Fossi in te, spenderei qualche minuto per valutare i pro e i contro.

PRO: iscriversi all'Ordine conviene

I pro, in realtà, si fa presto ad elencarli:
  • Iscrivendoti all'Ordine puoi fregiarti del titolo di Psicologo (e se sei fortunato puoi ricevere anche l'utilissimo tesserino da psicologo e la splendida vetrofania); il fatto che dire "sono uno psicologo" sia sinonimo di "sono disoccupato" è un dettaglio trascurabile... 
  • L'iscrizione all'Ordine ti consentirà di lavorare come Psicologo. In cosa consista esattamente il lavoro da psicologo è uno dei segreti che verranno svelati all'umanità solo nel Giorno del Giudizio. Però potrai farlo. 
  • Nient'altro. Anzi no! Riceverai ogni anno a casa un paio di riviste dell'Ordine (nazionale e regionale). E per i primi 50 iscritti un comodo set di padelle in ceramica antiaderente.

CONTRO: meglio non diventare Psicologo

I motivi per cui desistere dall'iscriversi all'Ordine sono moltissimi, invece. Non potendo elencarli tutti, mi limiterò solo ai più noti:
  • Il tirocinio per essere ammessi all'EdS non è retribuito. E dura un anno. Se non si svolge nel tuo quartiere, dovrai anche rimetterci la benzina, il biglietto del bus, il pranzo e chissà cos'altro. Riflettici: quante cose più interessanti ed utili potresti fare in un anno?
  • L'EdS costa. Dovrai perdere diverse giornate per compilare moduli, ritirare attestati, iscriverti a siti che funzionano solo 4 ore (notturne) ogni 75 giorni, e dovrai pagare. Senza contare il tempo e la fatica per prepararti alle prove.
  • L'EdS è un setaccio dalle maglie sfondate che fa passare di tutto, sia chi è realmente capace di esercitare la professione di Psicologo che gli incapaci. È molto più selettivo il programma di scelta delle Veline.
  • Essere iscritti all'Ordine significa che la tua libertà verrà limitata. Sì, hai letto bene. Non sarai più un cittadino qualunque, ma dovrai rispettare il Codice Deontologico. Prima potevi pubblicare i tuoi video scostumati o le foto osé di te e la tua ragazza su Facebook e Instagram, dal giorno dell'iscrizione non potrai più farlo. Prima potevi rilasciare interviste o scrivere qualsiasi cosa ti passasse per la mente, da quando sarai nell'Ordine dovrai stare attento alle dichiarazioni che rilasci. Peter Parker insegna: "Da un grande potere derivano grandi responsabilità".
  • L'iscrizione all'Ordine comporta anche il pagamento di una quota annuale. Che è come il biglietto della metropolitana: il prezzo aumenta ogni anno, anche se i vagoni peggiorano e il servizio è scadente.
  • Essere Psicologo comporta anche altre spese: da quest'anno dovrai pagare un'assicurazione, dovrai spendere per la formazione permanente etc. La domanda è: ma se non lavori come Psicologo, che lo fa fare di buttare via questi soldi?
Ricorda, giovane virgulto della Psicologia, anche se sfortunatamente hai già intrapreso il tirocinio o ti sei iscritto alla prossima sessione dell'EdS fai ancora in tempo a rinunciare!

Offenderei la vostra intelligenza se ora vi spiegassi che si tratta di un articolo di taglio umoristico e che esistono numerosi aspetti positivi nell'essere Psicologo. Del resto, se così non fosse non trovereste il mio nome nell'elenco dell'Ordine degli Psicologi. Credo però che tra una battuta e un sorriso ci sia qualche spunto su cui riflettere. Perché non cogliere l'occasione?

Commenti

  1. Sono appena passato alla terza prova, non togliermi cosi' lo slancio motivazionale :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Terza prova? Ormai siamo praticamente colleghi!

      Elimina
  2. Caro mio, manca un dettaglio non indifferente! L'Enpap dove lo lasci?
    Vuoi mettere entrare a far parte di un Istituto di Prevvidenza gestito da psicologi che, seppur un nobel alla psicologia venga proprio dall'economia, non hanno sostenuto neanche un esame di economia o di prevvidenza nella loro carriera formativa? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero, Fernando! come ho fatto a dimenticarmi dell'Enpap? L'unico istituto pensionistico che non eroga pensioni (ma compra palazzi miliardari).

      Elimina
  3. ordine psicologi del lazio : 160 euro
    Enpap: : 750 euro
    commercialista : 650 euro
    pubblcità (sito, biglietti): 400 euro
    Assicurazione o RC Prof : 34 euro
    totale:1994,00 (arrotondato a 2000 euro annui da investire)
    per tutto il resto ce sta la fame... e solo questa perchè ok è il lavoro più bello del mondo, ma non ci si fila nessuno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima sintesi, Luca.
      Chiaramente le spese non sono fisse (magari!) ma variano in base a quanto si fattura (le tasse e l'enpap), alla parcella del commericalista (che a volte chiede molto di più) etc.
      Riguardo all'assicurazione, poi, è una situazione molto buffa e molto all'italiana: ancora ad oggi che siamo a luglio non abbiamo i criteri di validità della polizza. Se si ha già un'assicurazione potrebbe non essere valida. E chi ne deve fare una nuova... non ha i criteri per sceglierla!
      Inoltre, non è ancora chiaro se anche chi non ha aperto la p.Iva debba stipulare obbligatoriamente l'assicurazione o no. E in tutto ciò bisogna tener conto che l'obbligatorietà scatta ad agosto. Roba da matti. Anzi: da psicologi.

      Elimina
  4. Ciao Christian,
    molto sfizioso questo articolo! Ricalchi esattamente le ultimissime mie preoccupazioni (sono in procinto di iniziare la tesi, e anche se può sembrare presto, ci penso al mio futuro lavoro!), però lo fai con un tono ironico che sdrammatizza il tutto... che dire.. ne avevo bisogno!
    Sai, quando penso a cosa farò, cerco anche un'ipotetica alternativa all'iscrizione all'Ordine... Al momento non ne vedo, però non si sa mai che non mi venga una bella illuminazione (o forse meglio ancora BOTTA di ...fortuna), e si trovi finalmente il modo di lavorare secondo canoni più definiti e meno dispendiosi (dal punto di vista energetico innanzitutto..)
    Grazie! E buon lavoro..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una alternativa, Giò, può essere non aspettare la botta ma andarsela a trovare! Che ne dici di un bel tirocinio o anno post-laurea all'estero? Io lo consiglio a tutti i laureandi :)

      Elimina
  5. ....epperò io volgio le padelle....!!
    Grazie per questo sdrammatizzare....e oibò..ci sono amare verità dentro l'ironia....!
    Buona Vita :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo quando avrai accumulato abbastanza punti ECM. Anzi, FCP. O PCLF...
      Insomma, appena decideranno come chiamarli riempi la tessera e ti daranno la batteria di pentole :)

      Elimina

Posta un commento

I commenti sono soggetti a moderazione. Lo spazio dei commenti non è uno spazio pubblico: vengono approvati solo i commenti che i moderatori ritengono utili e costruttivi rispetto agli argomenti proposti.