La ASL che dà lavoro ai Counselor ma non agli Psicologi

Counsellor nelle ASL? Se fanno il lavoro dello Psicologo bisogna denunciare alla Magistratura.


A Siracusa la ASL ha fatto un bando di gara in cui affida un progetto di prevenzione dell'HIV ai counselor. Lo denuncia il gruppo politico Altrapsicologia.
Tra le figure ricercate, tutte ben regolamentate dalla Legge e con laurea attinente* (medico, infermiere, interprete) spunta un ‘counselor’, da compensare con ben 12mila euro!
Sinceramente non ho potuto verificare i dettagli della vicenda, ad esempio: i 12mila€ tra quanti counselor vengono divisi? Quanto va a testa? E soprattutto cosa dovrà fare il counselo in questo progettor? È di sostegno all'interprete? Ha mansioni educative? O svolge funzioni che dovrebbe svolgere lo Psicologo?

Penso, purtroppo, che le cose stiano proprio così, e cioè che gli vengano chieste mansioni tipiche e riservate per legge allo Psicologo. Da anni denuncio che spesso in Italia il counselor non fa il conunselor, ma di fatto fa lo Psicologo se non addirittura lo PsicoterapeutaL'abuso professionale non può più essere tollerato!

Non basta inviare un'email cortese al CNOP o lamentarsi o pignucolare tra di noi: dobbiamo DENUNCIARE la ASL per incitamento all'abuso professionale. Non sono un avvocato, probabilmente il reato di "favoreggiamento all'abuso professionale" non esiste, ma sono certo che se un'Istituzione assume un idraulico per fare il chirurgo la cosa va contro la legge. Se le cose stanno come dice AP, dobbiamo tempestare di email il responsabile della Commissione Tutela del nostro Ordine e il Presidente del CNOP chiedendo di denunciare alla Magistratura la ASL di Siracusa e i dirigenti che hanno scritto il bando. Che sia di esempio per tutti.

Prima di accendere le torce e prendere i forconi però dobbiamo avere qualche informazione in più. Non è che si può denunciare uno a cuor leggero, sennò poi vieni denunciato tu a tua volta, e la cosa non è piacevole. L'articolo di AP purtroppo non riporta alcun link. Cercando nella pagina dei bandi e delle gare della AUSL 8 di Siracusa non sono riuscito a individuare il bando (non ho avuto il tempo di aprirli uno ad uno).

Dai commenti dell'articolo, comunque, si evince chiaramente che i diretti interessati non erano stati interpellati prima di scrivere il pezzo. Io sono dell'idea che prima di denunciare o anche solo accusare qualcuno è molto più corretto chiedergli prima come stanno i fatti. Tanto più se è un tuo collega e lo conosci di persona.
Aivoglia poi a spiegare che non era quello l'intento, che era per condivisione, che volevi dire altro, che era tanto per dire.... Se scrivi il nome di uno in rosso e maiuscolo affiancandolo alle accuse di abuso, scorrettezza, peste e infanticidio non c'è bisogno di essere laureati in psicologia per capire che effetto fa!

Il Presidente del CNOP Fulvio Giardina ha replicato nei commenti:
Non è vero che l’Ordine siciliano è stato in silenzio: appena avuta notizia se ne è discusso in Consiglio; non è vero che il Cnop è in silenzio: appena avuta notizia è stato trasmessa all’ufficio legale la delibera dell’Azienda sanitaria per i provvedimenti del caso
Ma si tratta di un commento non ufficiale. Chi ha ragione? Zanon o Giardina? Nel sito dell'Ordine della Sicilia non trovo nulla. Sul sito del CNOP neppure (se hanno dato mandato ai legali vanno nella direzione che dico io: denunciare senza pietà!). Senza dati concreti sottomano non possiamo dirlo.

Quindi, care colleghe e cari colleghi, se avete informazioni più accurate condividetele, la condivisione di informazioni e lo spirito di colleganza sono le uniche armi che abbiamo noi "normali" iscritti!


*In realtà l'interprete non ha una laurea attinente (si può esserlo anche senza laurea in lingue) e ha lo stesso riconoscimento dei counselor.

Commenti